Ferruccio Rontini

 

Opere

Ferruccio Rontini Bosco Autunno olio su tavola cm. 62x62,5

Biografia

(Firenze 1893– Livorno 1964)
E’ iniziato alla pittura dalla zio Alessandro, pittore affermato nel 1909 quando la famiglia si trasferisce a Livorno per il lavoro del padre, Ferruccio si iscrive all’Accademia delle Belle Arti di Firenze, poi ne diventerà anche docente. Il suo stile iniziale è macchiaiolo evidente nelle opere degli anni dieci e venti, subirà un’evoluzione a partire dagli anni quaranta, per poi trasformarsi ancora negli anni a seguire. La sua pittura è intrisa di naturalismo, cerca soprattutto temi paesaggistici o scene di vita quotidiana predilige la campagna, che dipinge en plein air. La Maremma ed il Mugello, sono i suoi luoghi preferiti, diviene famoso per le raffigurazioni dei mercati di Vicchio dove si era trasferito alla fine degli anni quaranta, mantenendo uno studio anche Livorno per non interrompere i rapporti con la città che lo aveva reso noto pittoricamente. Fu tra i fondatori, nel 1920 del Gruppo Labronico. Partecipa a numero mostre durante l’arco della sua carriera, ricordiamo la “Fiorentina Primaverile” del 1922, la Biennale di Milano del 1925 ed alle mostre del Gruppo Labronico.