Marcello Landi

Opere

Marcello Landi Paesaggio, olio su masonite cm. 41x51

Marcello Landi Cabine al mare,olio su masonite cm. 41x48

Marcello Landi Paese di mare,olio su masonite cm. 49,5x67

Biografia

Marcello Landi (Cecina 1916-Roma 1993). Pittore e poeta nel 1948 sottoscrisse, insieme al poeta Guido Favati e ai pittori Voltolino Fontani, Angelo Sirio Pellegrini, Aldo Neri, il Manifesto dell’Eaismo, con cui viene analizzato criticamente il nuovo ruolo assunto dall’uomo nell’era atomica che si è appena aperta. Gli anni cinquanta furono anche anni di intensa attività letteraria, che culminarono con la vittoria al premio di poesia “Città di Firenze” (1955) e al premio di poesia “Cittadella” (1956). In questo periodo Landi si dedicò attivamente al dibattito sull’arte contemporanea, con importanti interventi sulla stampa cittadina e soprattutto su “Il Giornale del Mattino” di Firenze. Negli anni sessanta formò con il pittore Voltolino Fontani e Angelo Sirio Pellegrini il gruppo pittorico de “Gli Ultimi” e iniziò ad esporre in modo continuativo a Bottega d’Arte di Livorno, sviluppando una pittura a forte impronta spirituale. I suoi quadri raffigurano il più delle volte paesaggi “atomici” in cui l’elemento descrittivo e narrativo è ridotto alla pura essenzialità di forme che denotano un vivo senso di abbandono e di solitudine. Nel 1970 vinse il premio di poesia “Montebelluna” e nel 1983 il “premio letterario nazionale” di Pisa. Nel 1977 si trasferì da Livorno a Roma. Nello stesso anno, in suo onore, venne organizzato a Livorno il “premio nazionale di poesia Marcello Landi”, che durerà fino al 2001. Muore a Roma nel 1993.