Paulo Ghiglia

 

Opere

 

Paulo Ghiglia Piazza Mazzini,olio su tela cm. 40x60

Paulo Ghiglia Ritratto di ragazza, olio su tavola cm. 58x37

Biografia

Paulo Ghiglia (Firenze 1905-Roma 1979) Inizia a dipingere giovanissimo con il padre e maestro Oscar, importante artista post-macchiaiolo.

Inizia a dipingere giovanissimo con il padre e maestro Oscar, importante artista post-macchiaiolo.

Esordisce a Milano nel 1929 alla Galleria Pesaro insieme al padre Oscar e al fratello Valentino, anch’egli pittore. Nel 1931 è alla prima Quadriennale di Roma: grazie a Petrolini, suo amico fraterno, viene introdotto nella capitale, dove inizia il periodo dei ritratti. Soggiorna a Parigi dove ritrae Josephine Baker.

Negli anni quaranta e cinquanta è a Roma, la sua produzione si concentra sui ritratti di persone illustri, di scimmie e di Isa Miranda.

Negli anni sessanta soggiorna a lungo in California, a Los Angeles e San Francisco, ritraendo il mondo del cinema di Hollywood; alla fine del decennio si trasferisce  a La Verna, in Toscana (nei luoghi di San Francesco), lì una nuova pittura di indirizzo impressionista lo porterà a grandi mostre pubbliche tra le quali quella di Firenze nel 1973 a Palazzo Strozzi, a Roma al Palazzo delle Esposizioni della Quadriennale, e nel 1975 ad Assisi con una grande mostra sul Santo.

Le sue opere si trovano in vari musei del mondo.